giovedì 31 maggio 2018

ULTIM'ORA - Governo, vicino l'accordo: Savona agli Affari europei, ecco chi all'economia



Giovanni Tria ministro dell’Economia, Enzo Moavero Milanesi agli Esteri, Paolo Savona agli Affari europei. E’ lo schema su cui si basa un’ipotesi di accordo tra M5s e Lega per la lista dei ministri da riformulare e consegnare al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Una ipotesi che




 confermerebbe la presenza di Savona nel governo in una posizione peraltro non marginale (perché terrebbe i rapporti con l’Unione Europea a nome del governo), ma nemmeno così “delicata” come quella dell’Economia, delega sulla quale resta “alta” l’attenzione del Quirinale. Si tratta di notizie che avvicinano la possibilità che si concretizzi davvero, dopo 88 giorni, la soluzione di un governo politico. Tra gli altri indizi c’è anche il ritorno a Montecitorio di Giuseppe Conte, il presidente del Consiglio che aveva dovuto rinunciare domenica scorsa proprio per la permanenza di Savona nella casella dell’Economia per volere di Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Conte in mattinata, tra una lezione e l’altra all’università di Firenze, aveva ricominciato a mandare segnali: “L’Europa deve essere sempre più forte, nessuno ha mai posto in discussione che siamo nel sistema europeo e ci vogliamo rimanere”.


Conte si è aggiunto a metà pomeriggio a una riunione che stavano conducendo Di Maio e Salvini, iniziata poco prima delle 15. Fratelli d’Italia in giornata ha ribadito la sua disponibilità a sostenere il governo M5s-Lega e anche ad entrare in maggioranza, ma – nonostante il faccia a faccia tra Salvini e Giorgia Meloni – la possibilità è stata respinta dai Cinquestelle, da una parte perché cambierebbero i rapporti di forza (ora numericamente favorevoli al M5s) e dall’altra per il posizionamento troppo a destra del partito. Tantopiù che nelle ultime ore Guido Crosetto – uno dei papabili a entrare dentro la squadra di governo, magari alla Difesa dove già fu sottosegretario con Berlusconi – ha anche detto che il contratto di governo avrebbe bisogno di qualche ritocco, soprattutto nel capitolo del reddito di cittadinanza, l’aspetto più caratterizzante del programma originario dei Cinquestelle.

Nessun commento:

Posta un commento

ALITALIA CHIEDE SCUSA AL PASSEGGERO RIMOSSO PER FAR POSTO ALLA BOLDRINI: quindi dove stava la ‘fake news’ cara Presidenta? Da quando in qua si chiede scusa per qualcosa che non è avvenuto?

“Niente prima fila, c’è un disabile”. Ma i posti sono per la Boldrini e il suo staff. E l’ex presidente della Camera replica così alle...