venerdì 11 maggio 2018

Santanchè nei guai. Arriva il pignoramento. Ecco i cattivi affari della "pitonessa"


La “pitonessa” è stata raggiunta da un atto di pignoramento immobiliare lo scorso febbraio. A promuovere l'azione la Banca di Caraglio del Cuneese una piccola Bcc dei luoghi natii della deputata


LINK SPONSORIZZATO


 cuneese. Evidentemente se la piccola banca si è mossa con quel provvedimento significa che c'è un credito non onorato. Una rata scaduta o un rimborso non effettuato. Contattata da Il Sole24Ore, la banca non ha rilasciato dichiarazioni.
L'atto depositato in conservatoria a Cuneo è di 5 mesi fa.

Gli affari imprenditoriali, molteplici, dell'esponente di Forza Italia non vanno affatto bene. Pochi giorni fa ha liquidato la sua Visibilia Magazine srl, la società costituita per rilevare le storiche testate Visto e Novella 2000. Messi alla porta con un licenziamento, dopo mesi di cassa integrazione, i 14 tra giornalisti e dipendenti, quell'avventura di rilanciare le due testate di gossip si è rivelato un flop colossale. Acquistate in perdita per un prezzo simbolico, sotto la gestione Santanchè sono lentamente affondate. Non solo.

L'irruente parlamentare ha voluto nel 2014 fare il grande passo della Borsa. Ha quotato sul listino milanese la Visibilia editore con un'operazione di reverse takeover, fondendo cioè le sue attività in una società già quotata, la Pms.

Dentro Visibilia editore ci sono le testate storiche della Santanchè. Da VilleGiardini a Ciak a PC Professionale. Anche qui le cose non paiono funzionare.

Nell'arco del biennio 2015-2016 la Visibilia Editore quotata ha cumulato perdite per 2 milioni di euro. Il fatturato che era di 4,4 milioni nel 2015 è sceso a 3,8 milioni l'anno scorso. I costi superano i ricavi (calanti) e già a livello di margine industriale la piccola società quotata all'Aim va in rosso. È stato necessario fare più di un aumento di capitale dal 2014 in poi, ma le perdite cumulate continuano a eroderlo. Il patrimonio netto a fine 2016 era di soli 293mila euro. A preoccupare dovrebbero essere i debiti. Quelli totali tra banche e fornitori superano i 6 milioni di euro.

Con un mol in rosso e capitale netto per 300mila euro la tensione finanziaria è più che elevata. In soccorso alla deputata sono arrivate le banche. I debiti, la Santanchè, li ha con la Popolare di Sondrio, la Popolare di Milano e il Credito Valtellinese. Con le prime due ha rinegoziato la scadenza del debito portandolo a nove anni, mentre la trattativa con il Creval era ancora aperta alla data di approvazione del bilancio.

Di fatto senza flussi di cassa e con capitale così esiguo la sorte di Visibilia Editore è appesa alla buona volontà di banche e fornitori che di fatto ne finanziano l'operatività. Senza contare le difficoltà che Santanchè ha incontrato con i suoi azionisti di minoranza: è noto il profondo diverbio con Paola Ferrari, socia di Visibilia e finita in rotta con l’ex amica con tanto di causa intentata. Poi le difficoltà con gli asset ereditati da Pms, in particolare quella Selpress che è stata del tutto svalutata dopo l'acquisizione e per la quale la Santanchè ha promosso un'azione di responsabilità contro i vecchi amministratori.
Ma le cose non sembrano girare bene anche per la “madre” delle società della piccola galassia della Pitonessa.
La sua Visibilia srl è la sua storica concessionaria di pubblicità. Costituita nel lontano 2007 raccoglie da sempre spazi pubblicitari per Il Giornale, diretto dal suo ex compagno Alessandro Sallusti, ma anche per il Corriere di Como e il Sannio e altre minori. Ovviamente fa la raccolta di advertising anche per le testate della sua Visibilia editore. È la sua creatura originaria quella da cui hanno figliato le altre iniziative.

L'aria che tira per la pubblicità editoriale non è certo delle migliori. E anche Visibilia srl ne soffre. Il fatturato della concessionaria si attesta poco sopra i 14 milioni, ma anche qui gli utili non si vedono. Nel 2016 la perdita è stata di 23mila euro, mentre nel 2015 il passivo è stato di 180mila euro. C'è di peggio nell'universo delle concesionarie di pubblicità di questi tempi.

Continua a leggere

1 commento:

  1. Ahhhh. Che bel leggere di sabato mattina a Praga dove sono rifugiato politico anche a causa di questa...

    RispondiElimina

ALITALIA CHIEDE SCUSA AL PASSEGGERO RIMOSSO PER FAR POSTO ALLA BOLDRINI: quindi dove stava la ‘fake news’ cara Presidenta? Da quando in qua si chiede scusa per qualcosa che non è avvenuto?

“Niente prima fila, c’è un disabile”. Ma i posti sono per la Boldrini e il suo staff. E l’ex presidente della Camera replica così alle...