giovedì 31 maggio 2018

Grandioso, un altro Premio Nobel da ragione al M5S su UE: "E' da riformare"



Sull’Unione Europea che deve essere riformata Paolo Savona ha ragione.




Lo si evince dalle dichiarazioni del premio Nobel 2016 per l’economia nel Oliver Hart, che si trovava a Siena per due lezioni alla facoltà di Economia e poi a Bologna.

Hart, scrive Pino Di Blasio su Quotidiano.net, ha riconosciuto “diversi punti di contatto tra il suo manifesto anti euro (firmato anche da altri Nobel come Stiglitz) e le idee dell’uomo della discordia, che ha portato alla cancellazione di un governo che stava per nascere.”.

“Sono stato contrario all’euro sin dall’inizio – ha spiegato Hart – ho sempre pensato fosse un grave errore per i Paesi europei”, in quanto “troppo potere” viene “centralizzato nelle mani delle istituzioni comunitarie” e “la sovranità nazionale diventata superflua”.

“Mi rendo conto – ha aggiunto – che per l’Italia uscire dall’Eurozona potrebbe rivelarsi un disastro economico, i costi sarebbero enormi”, ma, ha sottolineato, “anche rimanere nell’area della moneta unica a queste condizioni, potrebbe rivelarsi una catastrofe”.

“Le politiche di rigore aumenteranno i rischi di recessione,” ha osservato Hart, che ha aggiunto: “qualunque sia la scelta, nell’euro o fuori dall’euro, le cose con l’Europa dovranno necessariamente cambiare”.

Quanto a Paolo Savona, il cui nome è stato respinto da Sergio Mattarella per il ministero dell’Economia, il premio Nobel ha affermato: “Il professor Savona? È un uomo molto giovane, non è vero? Per il resto non conosco molti dettagli, a parte le sue riflessioni sull’euro”.

E sul piano B per l’uscita dall’euro, ha commentato: “Le mie previsioni su un’errata costruzione dell’euro si sono rivelate esatte. Ma non ho idea di come si possa uscire in modo ‘soft’, oggi. I Paesi membri dell’Eurozona sono troppo diversi tra loro, hanno storie e lingue diverse. Da ex suddito britannico, ritengo che la Gran Bretagna abbia fatto la cosa giusta a non entrare nell’euro”

Nessun commento:

Posta un commento

"I beni di Mafia Capitale per i cittadini senza casa". Capolavoro Raggi, cosi da un calcio nel sedere alla malavita

Roma vara per la prima volta nella sua storia un regolamento per la gestione dei beni confiscati alle mafie. È un momento importan...