giovedì 31 maggio 2018

Grandioso, un altro Premio Nobel da ragione al M5S su UE: "E' da riformare"



Sull’Unione Europea che deve essere riformata Paolo Savona ha ragione.




Lo si evince dalle dichiarazioni del premio Nobel 2016 per l’economia nel Oliver Hart, che si trovava a Siena per due lezioni alla facoltà di Economia e poi a Bologna.

Hart, scrive Pino Di Blasio su Quotidiano.net, ha riconosciuto “diversi punti di contatto tra il suo manifesto anti euro (firmato anche da altri Nobel come Stiglitz) e le idee dell’uomo della discordia, che ha portato alla cancellazione di un governo che stava per nascere.”.

“Sono stato contrario all’euro sin dall’inizio – ha spiegato Hart – ho sempre pensato fosse un grave errore per i Paesi europei”, in quanto “troppo potere” viene “centralizzato nelle mani delle istituzioni comunitarie” e “la sovranità nazionale diventata superflua”.

“Mi rendo conto – ha aggiunto – che per l’Italia uscire dall’Eurozona potrebbe rivelarsi un disastro economico, i costi sarebbero enormi”, ma, ha sottolineato, “anche rimanere nell’area della moneta unica a queste condizioni, potrebbe rivelarsi una catastrofe”.

“Le politiche di rigore aumenteranno i rischi di recessione,” ha osservato Hart, che ha aggiunto: “qualunque sia la scelta, nell’euro o fuori dall’euro, le cose con l’Europa dovranno necessariamente cambiare”.

Quanto a Paolo Savona, il cui nome è stato respinto da Sergio Mattarella per il ministero dell’Economia, il premio Nobel ha affermato: “Il professor Savona? È un uomo molto giovane, non è vero? Per il resto non conosco molti dettagli, a parte le sue riflessioni sull’euro”.

E sul piano B per l’uscita dall’euro, ha commentato: “Le mie previsioni su un’errata costruzione dell’euro si sono rivelate esatte. Ma non ho idea di come si possa uscire in modo ‘soft’, oggi. I Paesi membri dell’Eurozona sono troppo diversi tra loro, hanno storie e lingue diverse. Da ex suddito britannico, ritengo che la Gran Bretagna abbia fatto la cosa giusta a non entrare nell’euro”

Nessun commento:

Posta un commento

Governo, ecco come superare la Fornero: In pensione con 42 anni di contributi a prescindere dall'età

Che cosa cambierà dall’anno prossimo per i pensionati? Benché non ci sia ancora nulla di ufficiale, dalle indiscrezioni emerse giorno ...