lunedì 21 maggio 2018

Il Sud non fa parte del contratto? Bufala dei media da querela! Ecco tutta la verità


di Salvatore Micillo capogruppo commissione ambiente del MoVimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati




Nelle cronache di questi giorni siamo diventati antimeridionalisti. “Il numero delle righe nel contratto dedicate al sud è inferiore a quelle sulla Pianura Padana”, ci dicono. “Non c’è scritto Terra dei Fuochi da nessuna parte”. “Non si parla delle nostre discariche abusive, dei terreni da bonificare, non si parla di questione meridionale”. “Il MoVimento 5 Stelle ha tradito tutti i suoi elettori?”, sono i titoli dei giornali. Ci dicono questo. Noi dovremmo rispondere con un sorriso di circostanza verso chi sta tentando il tutto per tutto per dividerci e far implodere questo reale, concreto, tentativo di cambiare il Paese.

E invece: quando nel contratto si parla di stop al consumo del suolo si parla di tutta Italia. Quando si parla di bonifiche, di defossilizzazione, energie rinnovabili, economia circolare, rifiuti zero, riduzione degli imballaggi, di redistribuzione dei redditi, di politiche fiscali per le fasce più deboli, si parla di tutta Italia. Sud incluso. Parlano per noi gli atti e le nostre azioni, parla per noi un numero: 60 parlamentari eletti solo in Campania, il presidente della Camera è di Napoli, il candidato premier e capo politico del Movimento è di Pomigliano d’Arco. Ma non basta ancora. E allora ecco l’elenco puntuale di quello che è successo negli ultimi 5 anni. Ripartiamo da qui con l’obiettivo di raggiungere tutti i risultati.

Ecco l’elenco di alcune azioni proposte e che ci sono state approvate o bocciate dalla maggioranza, tutte riguardano il Sud.
1) Chiesto una caserma per i vigili del fuoco per la terza città più grande della Campania (RESPINTO)
2) chiesto droni per il controllo del territorio (Approvato ma da due anni c'è la sperimentazione)
3) il Chiesto registro tumori (approvato solo alla Camera)
4) Votiamo contro il dl terra dei fuochi (avete votato contro la vostra terra erano i commenti. Ci avevano bocciato 300 PROPOSTE )
5) Votiamo contro la dismissione del corpo forestale dello Stato (pochi giornali ne parleranno)
6) Votiamo contro il dl PARCHI (poche competenze in ambito ambientale da parte dei direttori, e solo 3 giornali nazionali ne hanno parlato)
7) Siamo stati 7 giorni in commissione per richiedere più fondi per le bonifiche (richiesti 90 milioni, avuti 30)
8) 20 anni di attesa per approvare una legge che riconosca i reati ambientali. Una grande vittoria ottenuta grazie al M5S.
9) Si incendia Taverna del re (dopo che si è scongiurata la costruzione di un inceneritore) , per l'Arpac è tutto nella norma.
10) Chiesto lo stato di emergenza per gli incendi (uomini, mezzi) - Nessuna Risposta.
11) interrogazioni parlamentari per ogni emergenza ambientale vissuta dal nostro territorio.

Nei programmi dei partiti che ci hanno governato c’erano tante belle parole sulla questione meridionale. Ma noi che al Sud ci viviamo sappiamo che fine hanno fatto quelle parole. Noi preferiamo gli atti. Ci vediamo al Governo.

Nessun commento:

Posta un commento

Giorgia Meloni mente sul finanziamento pubblico ai partiti: ecco il video che la sbugiarda. DIFFONDETE

«Meloni mente sul finanziamento pubblico ai partiti. Meloni mente, ha sempre mentito. Dice di combattere l’austerità europea, ma ha ...