giovedì 7 giugno 2018

Fermi tutti! La flat tax? Lucia Annunziata si schiera con Salvini: una lezione strepitosa contro il coro dei suoi colleghi allineati alle veline del PD




Un intervento impensabile, quello di Lucia Annunziata sulle pagine de La Stampa. Lei, che è stata comunista e direttrice di Rai3 quando si chiamava TeleKabul per l’orientamento politico decisamente



 di sinistra, si schiera a difesa della flat tax in salsa salviniana. Che non è quella che favorisce la finanza e il grande capitale, ma neppure quella che tutela l’idea di economia “statalista” da sempre difesa dalla sinistra, con una visione statica della ricchezza che è quella “all’ombra dell’attività pubblica”.

No, la flat tax che difende la Annunziata è quella che può, a fine anno, aiutare il piccolo e medio imprenditore a comprare una macchina da lavoro in più, ad assumere un operaio in più, ad acquistare un’altra auto o una nuova auto, dando lavoro e incentivando i costumi. E’ cioè la flat tax di una parte del Paese tra Veneto, Lombardia, Piemonte, che di pcicole e medie fabbriche ancora vive e che ha annate buone e annate storte. E che la flat tax può decisamente aiutare. Cioè, spiega ancora la Annunziata, “quando Salvini parla di ricchi occorre intendersi: per lui un imprenditore è un operaio che ce l’ha fatta”. E il ricco non è certo quello con la Bentley e l’aereo privato o la barca.

Su questo, però potrebbe alla lunga prodursi uno scontro col Movimento 5 Stelle che, “fondato sull’idea di una democrazia diretta e sulla affermazione di una eguaglianza assoluta dell’uno vale uno della cittadinanza, non immagina l’articolazione che richiede l’ammissione della ricchezza.


Nessun commento:

Posta un commento

"I beni di Mafia Capitale per i cittadini senza casa". Capolavoro Raggi, cosi da un calcio nel sedere alla malavita

Roma vara per la prima volta nella sua storia un regolamento per la gestione dei beni confiscati alle mafie. È un momento importan...