mercoledì 11 luglio 2018

Vitalizi, ecco la parassita di turno che difende il privilegio: "Giù le mani,se uno entra in Parlamento a 40 anni e ne esce a 50 chi lo riassume?"



«Sono convinta che ci sia un errore ma certamente non farò ricorsi,  voglio difendere la dignità della politica e della storia». Luciana Castellina, classe 1929, una vita di battaglie a sinistra fondatrice e direttrice de Il Manifesto, potrebbe perdere più dell’ 80% del suo vitalizio da ex parlamentare. Passando da 4,314 euro a 783 euro.



Se lo aspettava?

«No, cado dalle nuvole. Tra l’ altro leggo che sarei andata in pensione a 54 anni mentre ci sono andata a 70. Ma è vero che ai miei tempi le legislature venivano interrotte. E spesso io facevo solo la capolista, ai tempi del Pdup».

Quindi è giusta la scure di Fico sui vitalizi?

«Il punto non è se sia o meno giusto tagliare i vitalizi. Sono e resto una persona di sinistra e certo non difendo privilegi che capisco possono apparire odiosi.E di certo non mi lamento. Ho avuto più di quello che prende la gente comune. Il punto è che nessuno ha più memoria di nulla».

In che senso?

«I vitalizi come il finanziamento pubblico dei partiti, sono norme conquistate grazie alle battaglie del movimento operaio per impedire che la politica fosse una questione riservata ai ricchi. Poi certo c’ è stata una degenerazione, ma sarebbe giusto che qualcuno si andasse a studiare la storia. Anche a sinistra».

Con chi ce l’ ha?

«Per esempio con Veltroni. Non è stato lui a parlare per primo della necessità di abolire il finanziamento pubblico?».

Ma torniamo ai vitalizi. È giusto o no tagliarli?

«Sì e no. Capisco che ci sono casi che possono apparire assurdi, tipo un parlamentare che è stato eletto per qualche mese e che ora ha un vitalizio. Ma allo stesso tempo è giusto che ci sia un riconoscimento pubblico dei politici».

Cioè?

«Non parlo per me che ho sempre lavorato e sono stata al Parlamento europeo per 23 anni.Ma se uno entra in Parlamento a 40 anni e ne esce a 50 chi lo riassume? L’ aspettativa c’ è solo nella pubblica amministrazione».

2 commenti:

  1. Mi pare che quanto letto sia il più pacato e onesto di quanto letto a difesa dei vitalizi da parte di tanti ex parlamentari.
    Grazie per la sua opinione così espressa con pacatezza e comunque inducendo il lettore a considerare la questione anche in questa ottica.
    In Lei ho trovato una persona veramente di SINISTRA. Oggi rarissime.
    Grazie!
    Con stima, Osvaldo Serra.

    RispondiElimina
  2. Se uno entra a quaranta anni ed esce a cinquanta , dice che non lo assume nessuno ...... ma chi gli ha chiesto di entrare in politica ??' Glielo ha ordinato il dottore ???

    RispondiElimina

"I beni di Mafia Capitale per i cittadini senza casa". Capolavoro Raggi, cosi da un calcio nel sedere alla malavita

Roma vara per la prima volta nella sua storia un regolamento per la gestione dei beni confiscati alle mafie. È un momento importan...