lunedì 9 luglio 2018

Hai capito Boeri che parassita? Hanno scoperto che lui di pensioni ne avrà due, ovviamente entrambe di puro oro





Sul taglio delle pensioni d’oro proposto dal governo Lega-M5s, il presidente dell’Inps Tito Boeri è stato a dir poco freddo. Una posizione che diventa quasi sospetta dopo i dubbi sollevati sulla sua “doppia pensione d’oro” che il manager prenderà quando avrà finito di lavorare.



A sollevare la questione è stato il senatore di Fratelli d’Italia Franco Zaffini, che in un’interrogazione parlamentare ha chiesto di “verificare se l’Università Bocconi di Milano, nella quale insegnava il presidente dell’Inps Tito Boeri, ottenga contributi pubblici”. Il motivo dietro la domanda lo spiega lo stesso senatore: “Boeri, pur avendo congelato il rapporto con l’ateneo, essendo in aspettativa, continua a percepire contributi reali proprio come se insegnasse ancora. È la doppia morale del prof. Boeri – aggiunge Zaffini – Non si possono abolire le pensioni d’oro? D’Altronde cosa possiamo aspettarci da un manager che eroga pensioni minime da fame e afferma la necessità di aumentare i flussi di immigrazione per salvare le pensioni”.

Il senatore umbro ha chiesto quindi al ministro del Lavoro Luigi Di Maio di fare chiarezza: “Deve prendere provvedimenti immediati dinanzi a questo genere di comportamenti, nonostante le policy aziendali dell’ateneo che considerano talmente prestigioso l’incarico di Boeri da continuare a versargli i contributi perfino a fronte dello stop delle lezioni”. Il dubbio finale è se quindi “i contributi reali e non figurativi versati dalla Bocconi a Boeri siano da ricollegare in qualche modo alle rette pagate dagli studenti, ma anche se è possibile, per un ente che gode di contributi pubblici, non applicare quanto previsto dalle leggi in vigore in tema di aspettativa dei professori ordinari”.


3 commenti:

  1. Mi sembra evidente che Boeri, come tutti i "Bocconiani" tipo Monti, ecc., ha una visione molto elitaria e classista della realtà camuffata, per convenienza, da una parvenza di umanità...

    RispondiElimina
  2. Non esiste nessun reale motivo che resti ancora alla presidenza dell'INPS.più che discutere sulla bontà delle sue azioni scoperte inquinate mi preoccuperei a rimpiazzarlo con un nome autorevole di spiccata onestà assieme ad altrettanti consiglieri di estrazione governativa al fine di rianimare il moribondo Istituto dal punto di vista del benessere organizzativo altrimenti assisteremo ad un crollo epocale in termini di lavoro.

    RispondiElimina
  3. LA PACCHIA E FINITA X I DISONESTI ,,VEDIAMOCI CHIARO ARRIVANO X TUTTI PURGHE PURGANTI GIACOBINE CITTADINE SOVRANE X AMOR DI PATRIA ALE X QUOVADIZ

    RispondiElimina

"I beni di Mafia Capitale per i cittadini senza casa". Capolavoro Raggi, cosi da un calcio nel sedere alla malavita

Roma vara per la prima volta nella sua storia un regolamento per la gestione dei beni confiscati alle mafie. È un momento importan...