martedì 3 luglio 2018

Decreto Dignità, ecco cosa dice il testo. Ma è solo l'inizio



Pacchetto fiscale in versione light, con ritocchi al redditometro, ma nessuno slittamento della scadenza dello spesometro. E poi via libera allo stop dello split payment, ma solo per i liberi



 professionisti. Scatta anche il bando alla pubblicità di giochi e scommesse per contrastare l’azzardo patologico, con qualche piccola deroga. Il decreto dignità, primo intervento in campo economico del governo M5s-Lega, è stato approvato nella tarda serata del 2 luglio. Ecco le misure che contiene (leggi anche: Reddito di cittadinanza, cosa sappiamo su tempi e coperture).

1. Fino a tre anni di indennità per i licenziamenti
Cambia il Jobs act con l’ aumento del valore dell’indennità per i lavoratori licenziati “ingiustamente”, che passa da un massimo di 24 mesi a un massimo di 36 mesi.

2. Contratti a termine per un massimo di 24 mesi, tetto di quattro proroghe
Il limite massimo si riduce da 36 a 24 mesi e ogni rinnovo a partire dal secondo avrà un costo contributivo crescente dello 0,5%. Ridotte da cinque a quattro le possibili proroghe.

3. Tornano le causali, anche per il rinnovo degli interinali
Per i contratti più lunghi di 12 mesi o dal primo rinnovo in poi arrivano tre categorie di causali, esigenze temporanee e oggettive, connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili, o relative a picchi di attività stagionali. Le nuove regole valgono anche per i contratti a tempo determinato in somministrazione (non vengono cancellati, come previsto dalle prime bozze, quelli in somministrazione a tempo indeterminato). Salta invece il conteggio di questa ultima tipologia nei limiti del 20% previsto per contingentare le assunzioni a termine.

4. A chi delocalizza multe da due a quattro volte i benefici
Alle aziende che hanno ricevuto aiuti di Stato che delocalizzano le attività prima che siano trascorsi cinque anni dalla fine degli investimenti agevolati arriveranno sanzioni da due a quattro volte il beneficio ricevuto. Anche il beneficio andrà restituito con interessi maggiorati fino a cinque punti percentuali. In arrivo un meccanismo di ‘recapture’ per l’iperammortamento in caso di delocalizzazione o cessione degli investimenti.

5. Tutela occupazionale con aiuti di Stato
Nel caso la concessione di aiuti di Stato preveda una valutazione dell’impatto occupazionale, i benefici vengono revocati in tutto o in parte a chi taglia nei successivi cinque anni i posti di lavoro.

6. Stop alla pubblicità dei giochi
Previsto lo stop totale agli spot sul gioco d’azzardo, che dal 2019 scatterà anche per le sponsorizzazioni, e «tutte le forme di comunicazione» comprese «citazioni visive e acustiche e la sovraimpressione del nome, marchio, simboli». A chi non rispetta il divieto arriverà una sanzione del 5% del valore della sponsorizzazione o della pubblicità. comunque di importo minimo di 50 mila euro. Gli incassi andranno al fondo per il contrasto al gioco d’azzardo patologico. Restano le sanzioni da 100mila a 500mila euro per chi viola il divieto durante spettacoli dedicati ai minori. Salve dallo stop le lotterie a estrazione differita, come la Lotteria Italia e i contratti in essere.

7. Interventi light su spesometro e redditometro
Nella sua ultima versione il pacchetto fisco prevede una revisione del redditometro e l’abolizione del trattenimento diretto dell’Iva da parte dello Stato nei rapporti con i soli professionisti. Per lo spesometro invece si profila un rinvio della scadenza per l’invio dei dati del terzo trimestre a febbraio 2019, insieme quindi all’invio dei dati del quarto trimestre.

Nessun commento:

Posta un commento

"I beni di Mafia Capitale per i cittadini senza casa". Capolavoro Raggi, cosi da un calcio nel sedere alla malavita

Roma vara per la prima volta nella sua storia un regolamento per la gestione dei beni confiscati alle mafie. È un momento importan...