mercoledì 8 novembre 2017

"Si è falsificato il voto". Bomba dell'AntiMafia sulle elezioni in Sicilia. Ecco che sta succedendo

"Risultati drogati e liste mai verificate": quel pasticciaccio brutto delle elezioni siciliane


LINK SPONSORIZZATO


"Il risultato delle elezioni regionali in Sicilia è stato alterato". Il presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, non usa mezze parole commentando l'arresto del neodeputato siciliano dell'Udc Cateno De Luca, finito ai domiciliari a Messina con l'accusa di un`evasione fiscale da quasi 2 milioni di euro. E sul tavolo degli imputati finisce anche la legge Severino che sancisce la candidabilità o meno degli onorevoli.

Spiega Rosy Bindi: "Forse esiste una contraddizione all`interno della stessa legge Severino per la distinzione tra incandidabilità e ineleggibilità: è evidente che chi è candidabile ma non eleggibile, al di là del suo risultato elettorale, droga comunque il risultato delle elezioni"

"Il consenso raccolto, anche nel caso in cui non viene eletta la persona che è di fatto ineleggibile, altera il risultato elettorale. Su tutti questi aspetti, sui quali la Commissione sta riflettendo da tempo ha da tempo segnalato, il legislatore deve intervenire. Il senso del nostro lavoro in queste elezioni, come nelle precedenti, è stimolare il legislatore italiano a darsi strumenti più efficaci per assicurare che chi è chiamato a rappresentare i cittadini sia in regola con la legislazione del nostro Paese e che gli elettori siano informati sui rappresentanti che vanno ad eleggere".
Non solo. Fa scalpore, come peraltro era già noto, che gli elettori siciliani si siano presentati alle urne per eleggere il parlamentino regionale scegliendo tra nomi che non sono ancora passati al vaglio della Commissione Antimafia.

"Il nome di De Luca - ha spiegato Bindi - era stato segnalato non solo da Cancelleri, ma anche dalla Prefettura e dalla Procura. È l`ennesima dimostrazione che gli strumenti di cui disponiamo per tutelare l`elettorato nel nostro Paese sono inadeguati e insufficienti. Non solo per i tempi a disposizione delle Commissioni elettorali per valutare la regolarità della situazione giuridica dei candidati, in base alle leggi, in particolare alla legge Severino".

"L'esito della nostra inchiesta" sulle liste elettorali siciliane "sarà reso noto appena completata" ha confessato il presidente della Commissione puntanto il dito contro l'ennesima inefficienza di un paese ricco di controsensi.

"Dobbiamo ancora fare alcune verifiche, il nostro lavoro è reso più difficile anche dalla mancanza di strumenti di conoscenza, non di dati riservati, ma di dati che dovrebbero essere pubblici e a cui ciascun cittadino dovrebbe accedere".
"Mi auguro - ha concluso Bindi - che nel giro di pochi giorni li possiamo fare".

Sicilia, le reazioni dopo l'arresto di Cateno De Luca

"Cateno De Luca dell'UDC è il primo impresentabile arrestato di Nello Musumeci". commenta Giancarlo Cancelleri, candidato alla presidenza della Regione Siciliana per il Movimento 5 Stelle

"Lo hanno eletto all'assemblea siciliana neppure 48 ore fa: un record storico. La notizia non ci coglie di sorpresa, anzi la meraviglia è che ci si meravigli. La presenza di De Luca nelle liste di Musumeci la denunciai un mese fa, il 9 ottobre".
Udc: "Massima diligenza creazione liste"

L'Udc ha appreso dalla stampa la notizia dell'arresto di De Luca. L'Udc ha avuto la massima diligenza nella formazione delle liste elettorali a tutela del partito e dei cittadini-elettori. Abbiamo chiesto a tutti i candidati dell'Udc e dei movimenti ad esso associati tra cui anche Sicilia Vera il certificato del casellario giudiziario e quello dei carichi pendenti a tutela dei Cittadini e della Onorabilità del Partito". E' quanto si legge in una nota diffusa dall'Ufficio stampa nazionale Udc in merito all'arresto del deputato regionale siciliano Cateno De Luca.

"Abbiamo fiducia nella magistratura che siamo certi porterà all'accertamento della verità e siamo convinti che De Luca sarà in grado di chiarire i fatti e di dimostrare la sua innocenza".


16 commenti:

  1. S chi deve dimostrare di essere pulito?! Fuori fa tutte le cariche dello stato coloro che non sono degni di rappresentare la parte sans dell'Italia, senza compromessi!

    RispondiElimina
  2. PER CANDIDARSI OCCORRE CHE UN CADIDATO DEVE ESSERE PULITO DALLA SETTIMA GENERAZIONE E NON CANDIDARE IL FIGLIO DI UN CARCERATO E DI CHI E'SOTTOINCHIESTA VERGOGNA INAUDITA

    RispondiElimina
  3. Finalmente si muove l'antimafia in ritardo ma si muove adesso si vedranno gli sviluppi di questa vicenda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le istituzioni Italiane sono SEMPRE in ritardo,come i treni.

      Elimina
  4. Bisogna rivotare in Sicilia le votazioni sono state truccate truffate e rubate firme e falsificare firme ci sono tutti i presupposti x rivotare immediatamente siciliani fare casino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale rivotare , si tolgono il numero dei voti che ha portato questo elemento e si annullano e il posto a presidente della regione passi automaticamente a Cancelleri ,non è necessario spendere altre centinaia di milioni di euro .

      Elimina
  5. E dei brogli fatti alle povere persone oneste disabili? di quello che ne dite? non ne parlate? no? NON INDAGATE..ovvio e giusto mettere malumore agli elettori perchè così facendo togliete la voglia di andare a votare e per voi è renumerativo vero??? Stato colluso e mafioso..non lamentatevi poi se nasceranno movimenti popolari ,siamo allo sfascio siamo li li per riaprire il periodo delle BR ... buona salute!!

    RispondiElimina
  6. Ok ma intanto Musumeci governerà comunque la Regione Sicilia con i voti di questi impresentabili! Allora di che cosa stiamo parlando.

    RispondiElimina
  7. Una volta per fare il concorso nei carabinieri o nella polizia,o finanza si dovevano avere tutte le carte in regola fino alla settima generazione,nesun pendende giudicabile nemmeno un verbale.Invece adesso anche i pregiudicati possono presentarsi come candidati di un qualsiasi partito.Comunque alle prossime elezione mi candito pure io ex pregiudicato se ho amicizie nella mafia.

    RispondiElimina
  8. mi domando:se le analisi che dice l'On:Bindi risulta che più della metà è incandidabile si ritorna alle urne? per le politiche 2018 l'Antimafia farà in tempo ad analizzare i candidati puliti....oppure tutti i partiti fanno i furbi e non danno i nomi?

    RispondiElimina
  9. Nell'attesa dei risultati dell'pantimafia, fra qualche iorno sarà libero e, sarà libeero anche d'entrare nel parlamentino siciliano.
    Come la nuova legge elettorale che pur sapendo che è, incostituzionale, la prossima, legislatura partirà come le precedenti incostituzionali-

    RispondiElimina
  10. Per fare i Carabinieri si indaga fra le pieghe della famiglia con tutti precedenti anche di parenti sino alla sesta generazione, perché non adottare lo stesso metodo a tutti i candidati di qualsiasi elezione ?

    RispondiElimina
  11. pur di non rischiare di avere un 5 stelle al comando chiuderanno sicuramente tutti e 2 gli occhi sugli eventuali brogli.

    RispondiElimina
  12. E allora cosa pensate di fare? Se come dite ci sonno stati imbrogli cosa aspettate a commissariare la regione siciliana e a riprogrammare le elezioni? Ma no, in una repubblica delle banane come la nostra si accerta l'imbroglio, come per esempio le leggi elettorali incostituzionali, ma poi bisogna aspettare altre 5 anni affinchè gli eletti in modo illegale e incostituzionale portino a termine il loro illegale mandato e i cittadini possano tornare alle urne. D italiano provo sdegno e vergogna ad essere governato e rappresentato in Europa e nel mondo da gente simile.

    RispondiElimina
  13. Le Commissioni in Italia non hanno mai contribuito al mutamento di alcunché ... Le loro dichiarazioni , le loro indagini , le loro inchieste , le loro convocazioni ... sono un pretesto per dimostrare un interesse tardivo , falso , posticcio della politica per argomenti superati dalla cronaca .

    RispondiElimina

Aiutare gli italiani poveri è corruzione elettorale: il delirio si è impossessato della Morani, la PD leccapiedi di Renzi

Siamo al delirio: Alessia Morani denuncia Casapound per corruzione elettorale ad Ostia. La parassita PD ritiene che l’attività di “colletta ...